recensione

Prima recensione a “Le ragazze con il pallino per la matematica”

Oggi ho letto la prima recensione al libro “Le ragazze con il pallino per la matematica”. L’ho letta a sorpresa nella Newsletter #101 – 24 Febbraio 2017 di amolamatematica. Grazie Daniela Molinari!

C’è parecchio da dire in questa newsletter e comincerei con “Le ragazze con il pallino per la matematica”*: Chiara Burberi e Luisa Pronzato hanno raccolto le interviste fatte a cento donne “che si sono confrontate con ‘il pallino per la matematica’”, alcune “nate con un talento evidente” e altre che “hanno scoperto e sviluppato l’importanza delle competenze logico-matematiche solo nel tempo”.

Tra le donne che si sono confrontate con il ‘pallino della matematica’ ci sono anch’io e non posso che ringraziare Chiara per l’opportunità che mi ha fornito: la possibilità di dire la mia e di far parte di gruppo così “tosto”. Sì, perché – e temo che non venga detto mai abbastanza – chi raggiunge grandi obiettivi non è sempre il più intelligente della nidiata e a tal proposito mi sono confrontata con tantissime persone, insegnanti universitari, colleghi… l’ha detto persino Obama in una puntata speciale di Bear Grylls di un anno fa: chi raggiunge i propri obiettivi ha semplicemente una grande tenacia, un’immensa voglia di farcela. Chiara lo ribadisce durante una TedTalk di un paio d’anni fa: il suo impegno con Redooc è un modo per sconfiggere i pregiudizi secondo i quali la matematica sia solo per i talenti naturali. Dopo aver coinvolto la platea in un intenso dialogo, alla ricerca di nomi femminili nel mondo della letteratura, della pittura, della musica (ammettiamolo: potremmo citare decine di nomi maschili, ma se vi chiedessero solo nomi femminili?**), Chiara ci ricorda che il raggiungimento di un obiettivo è frutto di dedizione, passione, sudore, forza di volontà, determinazione… e il talento non ha realmente un ruolo da protagonista.

Oggi, mentre in classe correggevo velocemente gli esercizi assegnati di compito, ho sentito la mia velocità e sicurezza e non posso fare a meno di stupirmene ogni anno: a marzo sono al meglio della forma, ben allenata e non troppo stanca e faccio gli esercizi rapidamente, cosa che non mi capita certo a settembre, quando sono arrugginita e lenta. Gli alunni pensano che gli insegnanti di matematica siano super-uomini e super-donne sempre pronti a sfornare esercizi, ma in realtà anche le nostre abilità sono frutto di allenamento e quale migliore allenamento di passare ogni giorno a contatto con la matematica, facendo e correggendo esercizi, interrogando e studiando? La nostra abilità in matematica è frutto di fatica esattamente come l’abilità in uno sport. Certo, Roger Federer ha talento, ma sarebbe uno dei più grandi campioni di tutti i tempi senza tutte le sue ore di allenamento?

Secondo Chiara, e anche secondo me, “negati per la matematica si diventa”: questa frase mi fa sentire il peso della responsabilità, ma mi entusiasma sentire le parole di Chiara, secondo la quale il professore deve comportarsi come un coatch, fare il tifo e spingere i propri ragazzi a dare il meglio.

E se il tifo del proprio insegnante non fosse sufficiente, si può ricorrere a questo video del fisico Dominic Wallman, che “è in grado di condurre l’ascoltatore nei diversi campi in cui la matematica viene utilizzata ai massimi livelli”. È in inglese, certo, ma dura solo 11 minuti e l’approdo lo vedete già nella mail, visto che è l’immagine che è stata allegata alla Newsletter. Certo, come sottolinea anche l’autore, le varie parti della matematica sono molto più correlate di come sono state rappresentate, perché nella realtà dovrebbe assomigliare più a una ragnatela fitta, con tutti gli ambiti collegati tra loro. In ogni caso, questa visione d’insieme ci permette di capire come la matematica possa spiegare tante cose della nostra quotidianità, dell’universo nel quale viviamo, nonostante sia stata scritta dagli esseri umani.

Io preferisco, però, l’idea della professoressa Barbara Della Rossa, che mostra la matematica realmente come se fosse uno sport, uno “sport mentale”: ed è così che la sua prima media si è trovata a fare una matematica davvero innovativa e diversa dal solito, giocando a carte: “La scelta non è stata fatta a caso. Giocando si rispettano le regole, si sta tutti insieme. Gli studenti imparano anche a vincere e a perdere. Diventano parte di un gruppo. E soprattutto niente noia, ma tanta voglia di fare.”

Altro metodo, che applico personalmente (insegnando alle superiori, il gioco delle carte è gestito in autonomia dagli alunni, che durante l’intervallo organizzano dei veri e propri tornei) è quello di usare lo strumento della lettura per appassionare alla matematica.

E mi piace molto la selezione che propone Chiara Burberi (di nuovo lei), anche se secondo me, c’è un’assenza davvero importante: “Il teorema vivente”, del celebre Cedric Villani. Io l’ho trovato appassionante e coinvolgente e non mi ha stupito scoprire che anche per i miei alunni è stata una lettura memorabile.

Grazie per la recensione e anche per il suggerimento, Daniela Molinari! 

Ecco due anteprima del libro:

http://libromania.net/it/blog/post/90/libri-che-fanno-innamorare-della-matematica

http://libromania.net/it/blog/post/91/film-che-fanno-innamorare-della-matematica