Home > News e media > Cosa fare per rendere la matematica quotidiana? Redooc sul Corriere della Sera

Cosa fare per rendere la matematica quotidiana? Redooc sul Corriere della Sera

matematica quotidiana

Oggi si parla di matematica quotidiana e di quanto sia importante questa competenza nella vita di tutti i giorni. Ecco l’intervista di Chiara Burberi pubblicata l’11 Febbraio 2016 sul Corriere della Sera.

Cosa fare per rendere la matematica quotidiana?

Cosa fare per convincere gli italiani che la matematica è popolare, pop? Cosa fare per convincerli che non è una materia da studiare solo perché è obbligatoria a scuola e poi dimenticare velocemente? Cosa fare per convincerli, tutti quanti, giovani e adulti, che è una competenza, uno strumento da conoscere a fondo e utilizzare costantemente?

La matematica è una materia quotidiana, come leggere e scrivere, ed è anche uno strumento alla portata di tutti, non è destinata solo ai talenti naturali o alle persone di successo. La matematica quotidiana sono le quattro operazioni di base, conosciute e utilizzate bene, ma è soprattutto conoscenza (il significato originario di matematica), è logica, è uno strumento per prendere decisioni, analizzando pro e contro. Il talento non serve!

Purtroppo i dati dicono che la realtà vissuta dagli italiani è un’altra: la matematica non è per niente popolare, è scarsamente quotidiana, è sicuramente lontana dalla realtà, e soprattutto è considerata difficile e inutile!

Il mio sogno?

Sogno un’Italia in cui tutti i ragazzi che giocano a calcio ammirino le geometrie di un campo e la meraviglia delle forme di un pallone e ragionino sugli angoli delle traiettorie di corsa e sulle parabole disegnate dai calci.

Sogno un’Italia in cui le ragazze si sentano valorizzate e supportate nel loro percorso scolastico e professionale legato alla matematica e alle materie scientifiche in genere a partire dalla famiglia, ricche di esempi concreti di donne per cui “niente è impossibile”.

Sogno un’Italia in cui la matematica viene imparata ragionando a partire dai problemi concreti: il monomio è un biglietto di treno andata e ritorno, un’equazione è una decisione da prendere (quindi prima impostiamo l’equazione, poi preoccupiamoci di risolverla!) e una parabola è un calcio ben assestato!

Sogno un’Italia in cui sia un onore sentito e riconosciuto insegnare ai nostri figli, tutti i giorni, la bellezza della conoscenza, la nostra grande cultura, naturalmente piena di creatività, un patrimonio unico, che all’estero tanto ammirano.

Cosa fare?

Offriamo ai ragazzi modalità di apprendimento della matematica pensate e realizzate con il loro linguaggio (video, immagini, appunti, esercizi interattivi, giochi, punteggi e classifiche, …) e con la tecnologia che utilizzano quotidianamente (lo smartphone!), senza dimenticare l’importanza di carta e matita, perché la matematica si legge, si scrive e si disegna.

Introduciamo con coraggio a scuola nuovi metodi didattici (e.g. flipped classroom, peer to peer, collaborative learning) che supportino i professori nel coinvolgere e far appassionare gli studenti in classe e a casa nell’apprendimento della matematica.

Offriamo ai ragazzi l’opportunità di confrontarsi con problemi concreti, anche con test che li spingano ad allenarsi ad affrontare e risolvere problemi pratici, usando concetti matematici. Valorizziamo i test Invalsi, facciamoli entrare nel percorso normale di apprendimento. Rendiamo parte della didattica della matematica anche il gioco degli scacchi, i cruciverba, il sudoku, il coding,…

Diffondiamo storie semplici che parlano di saldi e percentuali, frazioni e feste, viaggi e polinomi, equazioni e sabato sera; per aiutare in particolare le mamme a giocare alla matematica con i figli, sì perché la matematica può anche diventare un bel gioco!

Infine, basta con il dire, con una punta di orgoglio malcelato “Sono negata/o! Non la capisco! Tanto non mi servirà mai a nulla!”. Iniziamo a dire che la matematica è come lo sport, è alla portata di tutti: più ti alleni, più sudi, più ti diverti.

Commenti

Guarda anche
Impara giocando
Impara giocando con Redooc e Geomag
Green New Deal: Diversità e Inclusione, una Sfida per i Mercati
Educazione energia pulita del futuro
Marco Montemagno
Redooc intervistata da Marco Montemagno