stop bullismo

#StopBullismo: cosa fare contro i bulli

Che cos’è il bullismo?

Secondo le definizioni date dagli studiosi, uno studente è soggetto ad azioni di bullismo quando viene esposto ripetutamente nel corso del tempo alle azioni offensive messe in atto deliberatamente da uno o più compagni.
Non si fa quindi riferimento ad un singolo atto, ma ad una serie di comportamenti portati avanti nel tempo, all’interno di un gruppo, da parte di qualcuno che fa o dice cose per esercitare potere su un’altra persona.

Effetti del bullismo

Secondo uno studio recente che prendeva in considerazione disturbi come la depressione, l’ansia o l’insonnia, le vittime di bullismo sono più vulnerabili allo sviluppo di problemi psicosociali, rispetto a coetanei che non hanno subito offese di bullismo. I bulli invece, con i loro atti, spesso manifestano violentemente un loro stesso disagio sociale, spesso dovuto dal contesto di origine famigliare.

Doxa Kids ha rilasciato una ricerca fatta su oltre 1.500 giovani dagli 11 ai 19 anni su tutto il territorio italiano. Il risultato: il 35% dei ragazzi è stato vittima di episodi di bullismo! Uno studio fatto in America dimostra che 2 su 3 persone vittime di bullismo diventano bulli a loro volta. Purtroppo secondo queste stesse indagini, il trend è in continuo aumento. Inoltre spesso sul giornale escono notizie preoccupanti, ad esempio la triste storia di Izzy, 14enne inglese, suicida a causa del bullismo subito, o il famoso caso di Gasparri su twitter, che ha fatto scoppiare l’hashtag #stopbullismoPare dunque evidente la necessità di porre rimedio a questo fenomeno, ma come?

Cosa si può fare in caso di bullismo

Le scuole:

Le diverse ricerche svolte sul fenomeno del bullismo sembrano avere un comune tratto: tutte confermano l’efficacia dei programmi anti bullismo messi in atto dalle scuole, con diminuzione significativa dei casi di bullismo, a volte fino al 50%.
Se la scuola per prima fa in modo che gli studenti si sentano parte di una comunità, i casi di bullismo saranno molto più isolati. Dare visibilità alla problematica del bullismo per fare in modo che il maggior numero possibile di scuole conosca l’importanza dei programmi anti bullismo può essere una soluzione.

Gli studenti

Se conosci qualcuno che è vittima di bullismo o sei tu stesso a subirlo puoi agire così:

  • Parlarne con un adulto è la prima cosa da fare. Può sembrare una soluzione troppo semplice per essere efficace, e invece un sorprendente numero di vittime di bullismo ha iniziato a risolvere i problema proprio così. Ormai diffuse in America e in Inghilterra sono le ‘Bullying Hotlines’, numeri verdi da chiamare se si è vittima di bullismo, o per chiedere consigli su come aiutare un compagno in questa posizione se si preferisce parlare con persone esterne al contesto.
  • Mantenere pensieri e comportamenti positivi, perché ricordare tutti i pregi che hai può essere difficile se c’è qualcuno che cerca costantemente di buttarti giù. Cerca di pensare a tutte le cose che sai fare bene e ricordati che ciò che importa veramente è quello che pensi di te stesso.
  • Anche circondarsi di persone che ti vogliono bene può aiutarti a rimanere positivo.
  • Intervieni se conosci qualcuno che è vittima di bullismoIn questo modo non solo aiuterai ad ostacolare il comportamento del bullo, ma farai anche sentire meglio la vittima, che sicuramente sarà contenta di avere qualcuno dalla sua parte. Il tuo intervento può realmente fare una differenza.

Le Fondazioni

  • Telefono Azzurro: Oltre a fornire tantissimi consigli utili, offre un servizio di sostegno, si per via telefonica che online! (tel. 1.96.96)
  • Smonta Il Bullo: “Il Portale si rivolge a studenti, docenti e genitori attraverso strumenti e informazioni utili a prevenire forme di disagio giovanile che possono determinare comportamenti violenti come bullismo, cyber bullismo, omofobia…”
  • Born This Way: l’Associazione attiva negli USA fondata da Lady Gaga che si propone di “riuscire a delineare dei paradigmi di Coraggio e Gentilezza e di costruire una comunità internazionale che si occupi di incoraggiare i giovani e proteggerli dal bullismo e dall’abbandono.”

Per scoprire di più, la 27Ora pubblica moltissimi articoli sul bullismo nelle scuole in Italia e all’estero.